giovedì 14 marzo 2019

CAPE TOWN

CAPE TOWN

UN GIOIELLO DELLA NATURA E UN MELTIN POT DI CULTURE



Cape Town è un gioiello naturalistico di tutto rispetto. Situata in una spettacolare baia bagnata dall'Oceano Atlantico ha nel suo centro il caratteristico promontorio dalla cima appiattita che viene definito appropriatamente Table Mountain.

La città ha diversi quartieri ognuno con la propria identità e prima di decidere dove soggiornare è importante conoscerne i vari aspetti per trovare la propria dimensione.

Il Waterfront è lo storico porto della città recentemente rinnovato, meta del turismo di massa. Non siamo rimasti particolarmente affascinati da questo quartiere, ricco di hotel e negozi di lusso. Abbiamo avuto la sensazione di trovarci in un immenso luna park da cui svetta la ruota panoramica. Esteticamente molto carino ma poco rappresentativo della città di Cape Town è consigliato dalle guide per la maggior sicurezza rispetto ad altre zone. La nostra percezione è stata però di trovarci in una gabbia dorata creata apposta per i turisti.

Waterfront
City Bowl è la principale zona commerciale di Cape Town e cuore pulsante della città. Questa zona potrebbe essere definita la New Orleans sudafricana per via degli edifici coloniali. Long Street è infatti abbellita da palazzi in stile vittoriano  caratterizzati dai balconi in ferro battuto. Greenmarket Square è la vivace piazza animata da bancarelle di artigianato locale.
Per un pranzo piacevole vi suggeriamo Hemelhuijs, un ristorante arredato da oggetti d'arte contemporanea e dalla ottima cucina. Se preferite un posto più giovanile Tiger's Milk propone pizza, hamburger e altre pietanze in un ambiente piacevole.
Se siete interessati alla storia dell'apartheid vi consigliamo la visita al District Six Museum. Situato in quella che un tempo era una Chiesa Metodista, questo museo rende omaggio alle 60000 persone sfrattate negli anni '60 e '70 del secolo scorso solamente a causa della loro razza. Ad ogni ora parte l'interessante visita guidata da un ex residente. Nel nostro caso, abbiamo avuto l'opportunità di conoscere la storia di una gentile anziana che, dopo la fine dell'apartheid, è riuscita fortunatamente a tornare a vivere nel suo quartiere.

A poca distanza dal City Bowl è presente uno dei quartieri più caratteristici e fotografati di Cape Town: Bo-Kaap.


Il quartiere fu in origine abitato dagli schiavi malesi, di origine musulmana, portati in Sud Africa poco dopo la fondazione della città di Cape Town. Le case originariamente dipinte di bianco sono state ridipinte usando colori vivaci come espressione di libertà da parte dei suoi abitanti.

Nel mese di gennaio è possibile assistere al Cape Town Minstrel Carnival. Al sabato, potete come noi imbattervi in una sfilata di ballerini e suonatori vestiti con costumi di raso che rendono l'atmosfera davvero vivace.


Se volete godervi le spiagge della città vi consigliamo di soggiornare a Camps Bay. Distante un quarto d'ora di auto dal centro, questa spiaggia è uno dei litorali più rinomati di Cape Town. Per noi è stato indimenticabile trascorrere tre notti in un incantevole appartamento vista oceano a pochi passi dalla spiaggia.
Non possiamo quindi che consigliarvi il Seasonsfind, un bellissimo bilocale dalle immense vetrate e dal comodo balcone da cui ammirare il tramonto.


Camps Bay potrebbe essere paragonata a Miami Beach per i numerosi locali vista mare ma, per quanto riguarda la cornice naturalistica, la batte di gran lunga.


Per cenare non avrete che l'imbarazzo della scelta ma se volete apprezzare dell'ottima carne vi  consigliamo The Hussar Grill. L'ideale è cenare al bancone in compagnia degli ottimi barman. Per godersi una colazione, aperitivo o cena con una vista mozzafiato vi consigliamo il Mantra Cafè dall'atmosfera rilassata dove poter bere degli ottimi cocktail.

É impensabile recarsi a Cape Town senza tentare di salire sulla Table Mountain. Scrivo "tentare" perché spesso le condizioni atmosferiche non permettono la salita. Molto spesso la vetta della montagna è ricoperta da una nube definita "tovaglia" che non consente di ammirare lo splendido panorama. Noi possiamo ritenerci molto fortunati perché non solo siamo riusciti a salire con la funivia senza un'immensa coda ma al nostro arrivo il cielo era davvero terso tanto da apprezzare appieno l'indimenticabile panorama.



É possibile compiere la discesa con una lunga passeggiata oppure riprendere la funivia. In cima ricordate che tira sempre molto vento e anche in piena estate può esserci parecchio freddo.

Soggiornare a Cape Town senza visitare Robben Island sarebbe davvero un peccato. É necessario prenotare la visita almeno qualche giorno prima della data scelta.
Dal Waterfront parte il traghetto che conduce all'isola e da cui partono i tour per la prigione dove fu recluso Nelson Mandela. La visita all'interno della prigione è condotta da un ex prigioniero politico che rende la visita carica di emozioni.
Per vivere appieno questa esperienza avevo deciso di leggere la biografia di Nelson Mandela che mi ha permesso di visitare i luoghi con una certa familiarità.
Sembra impossibile che solo vent'anni fa potesse esserci una delle politiche discriminatorie più vergognose di sempre: l'apartheid.
É anche vero che, da questo mondo, ormai mi aspetto di tutto.

Per chi si chiedesse quanta è sicura Cape Town posso dire che, con qualche accorgimento, potrete vivere in serenità questa vacanza.
Se avete un auto parcheggiatela sempre in luoghi custoditi, magari di fronte ad hotel, scegliete alberghi o appartamenti con parcheggio e non lasciate nulla di visibile all'interno dell'auto.
Di sera spostatevi in taxi, sicuro e poco costoso. Abbiamo camminato tra i quartieri con una reflex ben in vista senza conseguenze. Abbiamo avuto solo un tentativo di furto dallo zaino ma ce ne siamo accorti in tempo ed è un'esperienza che poteva capitarci tranquillamente anche a Milano.
In un Paese dove il potere economico è ancora in mano ai bianchi e molte persone di colore vivono nelle township in regime di povertà, è naturale che ci sia della criminalità.
Non abbiamo notato quel famoso "razzismo al contrario" che tanto si dice ci sia in Sudafrica. Abbiamo conosciuto persone gentili, disponibili, cortesi e non ci siamo mai davvero sentiti in pericolo.
Abbiamo amato questa città per i suoi colori, per l'oceano e per le viste mozzafiato.


Nessun commento:

Posta un commento

Post in evidenza

 AZZORRE 7 motivi per organizzare una vacanza alle Azzorre Scegliere le Azzorre come meta vacanziera implica il desiderio di abbandonare la ...