domenica 9 dicembre 2018

CRACOVIA

UN WEEKEND PRE-NATALIZIO A CRACOVIA TRASFORMATO IN UN VIAGGIO NELLA STORIA



Dicembre è sempre un ottimo periodo per visitare una città. Addobbate per le feste, le città regalano sempre un fascino particolare. Quest'anno la nostra decisione è ricaduta sulla capitale polacca Varsavia e sulla più piccola Cracovia. Ben presto questo viaggio di piacere si è però tramutato in un viaggio nella storia. La Polonia infatti mantiene ben in vista le cicatrici provocate dalla Seconda Guerra Mondiale. 
Appena scesi dall'aereo siamo stati accolti da un'aria gelida che ci ha congelato viso e gambe nell'arco di pochi minuti.
Dall'aeroporto abbiamo chiamato un taxi (utilizzando l'app MyTaxi) e abbiamo conosciuto un altro aspetto di questa città: il traffico. Fortunatamente le tariffe dei taxi sono a km e non a tempo, in questo modo si può sempre sapere quale sarà la spesa indipendentemente dal traffico.
Abbiamo trascorso tre notti in un accogliente hotel situato a dieci minuti di cammino dal centro: Art&Garden Residence. L'abbiamo approvato sotto tutti gli aspetti. La camera non troppo spaziosa ma ben organizzata era pulita e molto confortevole. La colazione era ottima e i ragazzi della reception sempre a disposizione. L'atmosfera di questo hotel è ciò che più abbiamo apprezzato: in una città tanto fredda è importante scegliere un caldo rifugio. 

Art&Garden Residence


Art&Garden Residence

Potremmo dividere il centro di Cracovia in tre quartieri: Old Town, Kazimierz e Podgorze. All'interno delle mura si trova Stare Miasto (la Città Vecchia), un dedalo di vie medievali circondate da eleganti palazzi che sfociano in una delle piazze più grandi d'Europa Rynek Glowny, la piazza del mercato. Al centro si trova il palazzo dei Tessuti. Nel XIV secolo era il fulcro del commercio dei tessuti, ora accoglie numerosi negozi di souvenir e artigianato. Al piano superiore è presente la Galleria d'arte di pittura polacca.
Durante il periodo natalizio la piazza è affollata da bancarelle che vendono prodotti locali e dove è possibile riscaldarsi con dell'ottimo vin brulè (in polacco grzane wino).

Rynek Glowny

Nel centro storico è presente l'Università Jagellonica, una delle più antiche d'Europa che ha avuto  tra i suoi studenti più illustri Niccolò Copernico e Papa Wojtyla. E' possibile fare una interessante visita guidata di circa 40 minuti nelle sale del Collegium Maius. 
La Strada Reale del centro storico conduce alla collina di Wawel dove sono ubicati il Castello Reale e la Cattedrale. Il Castello è particolare perché caratterizzato da un connubio di stili architettonici diversi, dal romanico al gotico, dal rinascimentale al barocco.

Wawel

Proseguendo con una passeggiata verso sud ci si trova nell'antico quartiere ebraico, Kazimierz. Prima della Seconda Guerra Mondiale gli ebrei costituivano il 25% della popolazione di Cracovia. Durante l'occupazione nazista la comunità ebraica fu costretta a lasciare le proprie case e furono trasferiti nel ghetto al di là della Vistola: Podgorzè. Kazimierz ha vissuto un periodo di decadenza e solo grazie alle riprese del film Schindler's List che venne iniziato un lavoro di restauro.

Kazimierz

Senza dubbio oggi è il quartiere più affascinante di Cracovia. Oltre alla presenza delle sinagoghe, ci sono ulteriori elementi che ricordano il prestigioso passato della comunità ebraica: negozi di antiquariato e invitanti ristoranti kosher.

Once Upon a Time

Un ristorante imperdibile nel quartiere Kazimierz è Once Upon a Time. Basta entrare per fare un salto nel passato in un fantastico locale arredato con elementi di antiquariato. I piatti sono ottimi e i prezzi assolutamente popolari. 

Once Upon a Time

A sud di Kasimierz scorre la Vistola, il fiume più lungo della Polonia. Per attraversarlo consigliamo il ponte pedonale The Father Bernatek: inaugurato nel 2010 e progettato dall'architetto Getter, nel 2016 è stato adornato da bellissime sculture create dallo scultore Kedziora raffiguranti acrobati impegnati in plastiche evoluzioni.

Father Bernatek

Una volta attraversato il ponte ci si trova nel quartiere Podgorze, tristemente noto come il ghetto di Cracovia.  Visitare questo quartiere dopo aver letto il letto il libro "Il Farmacista del Ghetto di Cracovia" fa accapponare la pelle. 
Tra queste vie un'intera comunità ebraica fu reclusa, umiliata, torturata, costretta a vivere in condizioni sanitarie precarie e denutrita. La piazza Zogdy, attualmente Plac Bohateròw Getta, è stata teatro di terribili massacri. 

Piazza Zogdy

A memoria di ciò, sono state installate sedie (ognuna rappresenta l'uccisione di mille ebrei) che simboleggiano i mobili e i beni che gli ebrei hanno dovuto abbandonare sulle strade durante l'evacuazione del ghetto. Sulla piazza si affaccia la farmacia di Tadeusz Pankiewicz, un coraggioso polacco che ritrovatosi all'interno del ghetto è stato testimone oculare delle atrocità dei nazisti e che, insieme alle sue assistenti, ha dato un grande supporto alla comunità ebraica.

Farmacia di Tadeusz Pankiewicz

Ora la farmacia è diventata un museo che è possibile e raccomandabile visitare.
A poca distanza dalla piazza sorge la fabbrica di Oskar Schindler. All'interno è allestito un museo che, oltre a raccontare le gesta dell'imprenditore tedesco Schindler, narra le vicende della città durante la Seconda Guerra Mondiale. Vi raccomandiamo una visita guidata per capire meglio le vicende dell'epoca.

Schindler's Factory

Cracovia non è molto grande ed è possibile visitarla tranquillamente a piedi. Sono due le escursioni che possono essere fatte in giornata dalla città. Una, molto impegnativa dal punto di vista emotivo, è la visita al campo di concentramento di Auschwitz. L'altra, più tranquilla, è la visita alle miniere di sale Wieliczka che si trovano a 15km da Cracovia, facilmente raggiungibili in taxi (8€ circa a tratta).  All'interno delle miniera scoprirete meravigliose sale tra cui una bellissima cappella dove sono svolte frequentemente cerimonie. L'itinerario turistico (guidato) conduce fino a 110 metri di profondità e risulta un po' difficile la risalita in ascensore per chi soffre di claustrofobia. 

Miniera di Sale Wielikza

Nei giorni della nostra visita è stato particolarmente difficile trovare un posto dove cenare. Tutti i locali del centro erano pieni nonostante avessimo cercato di prenotare un tavolo dall'albergo.
Fortunatamente siamo sempre riusciti a trovare un posto. Un ristorante storico della città è Pod Aniolami, esteticamente molto bello offre un'onesta cucina locale.

Pierogi da Pod Aniolami

Un buon ristorante ad un prezzo assolutamente economico è Horoscope dove abbiamo potuto assaggiare un'indimenticabile apple pie.
La cucina polacca non rientra tra le nostre preferite perché è un po' pesante, aglio e cipolla sono ingredienti passepartout di ogni piatto. Sono però deliziosi i pierogi, ravioli ripieni di carne o formaggi che potete trovare bolliti, fritti o in brodo.
Quando chiederete il conto molto spesso vi verrà servita una wodka per aiutarvi nella digestione degli impegnativi piatti locali.
I polacchi si sono dimostrati molto ospitali, sempre pronti ad aiutare e quasi tutti sono in grado di comunicare in un ottimo inglese. 
La città di Cracovia si può visitare in un paio di giorni, se vorrete visitare Auschwitz e le miniere di saranno necessari 4 giorni.

Nessun commento:

Posta un commento

Post in evidenza

 AZZORRE 7 motivi per organizzare una vacanza alle Azzorre Scegliere le Azzorre come meta vacanziera implica il desiderio di abbandonare la ...